News archive 17/03/2020

FOCUS ON: IDISPERATI

Zacchetti e compagni possibile sorpresa in Major

Condivide con Calciocavallo F.C. la palma di "squadra più social" di tutte le competizioni Cun. IDisperati, che partecipano alla prima edizione del Torneo Open targato Cun Company, si definiscono, come si può leggere sulla loro pagina Instagram, "Il primo club con uno staff tutto social nella storia dello sport". Un nome ambizioso, con "partner" ambiziosi come il ct della Nazionale Italiana Roberto Mancini, ma anche giornalisti come Mino Taveri, Tancredi Palmeri, testimonial come Perin, Padoin, Di Natale, ma anche showgirl e fitness girl come Sabrina Salerno e Jill Cooper. Tanta simpatia, ma anche tanto impegno in campo.

All'interno del rettangolo verde, provenendo da tornei di Pavia nei quali hanno anche collezionato numerose vittorie, IDisperati hanno faticato. Inseriti nel girone A della Regular Season, i verdeblu hanno infatti collezionato 3 vittorie contro Herta, Atletico Desperados e Sert 104, rimediando 5 sconfitte contro El Giron, Mbaridinazzo, AS Missaglia, Formidabile F.C. e Calciocavallo. Ma, soprattutto nei match contro la squadra di Lambrate e contro i gialloneri (vittoriosi 1-0 nel "derby social"), Zacchetti e compagni hanno messo in campo impegno e abnegazione, a dimostrazione che, probabilmente, IDisperati, nella regular season, meritassero qualcosa in più.

La rosa de IDisperati è molto ampia: in porta, capitan Alberto Zacchetti, mentre in difesa vi sono Speciale, Biancardi e Moschera come punti fermi della squadra, ma, come vedremo, la duttilità di alcuni elementi della rosa consente di aggiungere mattoni al muro difensivo verdeblu. Il reparto più fornito, invece, è il centrocampo, con Arrigoni (o "Harry Kane", come riportato nel retro della sua maglia), Legnani, Milanesi, Saettone, Mavaro e Marco Delle Vigne, spesso visto anche in veste di allenatore. L'attacco, invece, presenta due nomi: Giugliano e Formaggia. Nonostante una rosa ampia, però, IDisperati sono sempre arrivati ai match con un massimo di 10 giocatori, viste le assenze di molti elementi, tra cui Burroni, Capuccini, Prevosti e Morganti.

Il jolly della squadra si trova in avanti: Riccardo Formaggia. Il numero 3 dei Disperati può ricoprire sia il ruolo di prima punta che di difensore. A causa dell'emergenza nel reparto arretrato, infatti, lo si è visto più proteggere Zacchetti che affiancare Giugliano in avanti. Anche in questo senso si spiegano i soli 14 gol messi a segno nelle 8 partite di campionato. In mezzo al campo, grinta e muscoli con la caparbietà di Moschera e Mavaro. Non mancano, però, i giocatori di qualità: Speciale e Arrigoni su tutti, infatti, ci hanno regalato, in Regular Season, giocate individuali di alto livello.

Una squadra che poteva sicuramente dare di più nelle prime 9 giornate e al debutto in Charity Cup contro Sesto P31 (sconfitta per 8-3 contro Prola e compagni). In totale, 17 gol fatti e 38 subiti (peggior difesa del Girone A con 30 reti incassate), numeri fin troppo severi nei confronti di una squadra che, pur avendo chiuso al 6° posto la Regular Season, punta a diventare una delle protagoniste della Major. Nel girone A, infatti, affronterà Calciocavallo, Atletico Desperados (battuti 4-2 in Regular Season) e Team BeDa.

Difficile, invece, la qualificazione alle semifinali della Charity Cup: il ko al debutto con Sesto P31 ha reso tutto più complicato soprattutto ora che il calendario prevede il match contro l'F.C. Mbaridinazzo, capace di imporsi per 6-2 nella sfida d'esordio della Regular Season del Football Clan. All'ultima giornata, invece, la sfida contro l'Atletico Desperados, una rivincita che sa di spareggio per evitare il cucchiaio di legno.